L’Arte di Elfhame #17: Il Piede delle Streghe

[“L’Arte di Elfhame” è una serie di articoli che esula dal Ricostruzionismo che solitamente caratterizza questo blog per concentrarsi sulla pratica e sul pensiero dell’autore Revivalista Robin Artisson. Non sono io il traduttore di questi articoli, ma Nera di Peste di Granfie. Per poterli riprodurre sul mio sito ho dovuto chiedere il permesso a lei, quindi se volete ripostare questi articoli su altre piattaforme blog o siti dovrete chiedere il permesso non a me ma direttamente a Nera.]

Il Piede delle Streghe

Agnesse dice:

“Il Piede delle Streghe è il nostro più potente simbolo.
Tre linee che si incontrano al centro… e che formano qualcosa di simile ad un fiocco di neve”.
Agnesse gratta questo simbolo sulla terra sotto i suoi piedi.

witchesfoot

“Questo simbolo mostra la forma della creazione…
la linea in mezzo che va verso l’alto e verso il basso nel centro del disegno
è la Pietra del Dio che si estende da sotto, a Elfhame, fino a sopra, a Chemeri.
Se guardi attentamente questo simbolo ti renderai conto
che le linee incrociate al centro sono quattro vie
che portano ai quattro regni del Mondo dell’uomo…
E’ così che viene realizzato il modello del mondo…
Il potere scorre da sopra,
scorre da sotto,
scorre dalle quattro direzioni tutte intorno.
Tu ti trovi al centro.
Tu ti trovi dove le linee si incontrano.
Questo simbolo ha un utilizzo molto potente…
Può essere usato per fare tremare i fili del potere che ti circondano…
E che collegano tutti i mondi.

Ora immagina che il potere ti colleghi, tramite la tua spina dorsale,
ai poteri di sotto e di sopra.
In questo modo tu puoi diventare la Pietra del Dio!
Questi poteri sono sempre in te,
hai solo bisogno di cambiare stato di consapevolezza per sentirli.
Percepisci il grande potere che scorre intorno a te,
la grande e mobile forza del serpente
e la leggera presenza dello spirito in te e in tutto,
e che fluttua nel tutto.
E’ davvero come un rapido fiume di potere che fluisce costantemente
attraverso te e tutte le cose.
Ora non lo senti, perché ti sei intorpidito dal suo costante flusso.

Il passaggio viene fatto così:

Tocca la tua fronte e chiamala Cielo, il Fecondatore,
e tocca il tuo ombelico e chiamalo Madre,
e tocca la tua spalla sinistra e chiamala Famiglio,
e tocca la tua spalla destra e chiamala “l’Altro”.
Congiungi le mani al tuo petto e chiama la Saggezza e il Potere del Grande Oscuro.

Ora, col tuo respiro, fai entrare in te lo spirito del Mondo,
respiralo giù nel mezzo del luogo del tuo potere, nel tuo torace.
Riunisci in te stesso il potere che dona al mondo intero il movimento,
fino a che diventi una radiosità nel tuo torace.
Ricorda, il segreto per riuscirci è essere delicato.
Non lo sentirai potente come vorresti la prima volta che lo farai.
Continua a farlo, gentilmente, e crescerà in potere.
Sii gentile e mantieni la tua mente concentrata su ciò che intendi conseguire.
Pensa alla foglia che cade da un albero
e oscilla dolcemente ma va sempre giù, verso la terra.
Deve cadere. Raggiungerà il suolo.
Niente la può fermare, ma nel frattempo lei fluttua delicatamente.
Senza fretta, ma il risultato è inevitabile.
Quando ti appresti a fare qualsiasi lavoro sii in quel modo. Pensa in quel modo.

Con la tua mente e il tuo volere modella questo potere che hai riunito in te
nella forma di un grande Piede delle Streghe…
con il suo asse che va verso l’alto e il basso
e le linee incrociate che irradiano da te verso l’esterno.
All’occhio della mente il simbolo potrebbe sembrare piatto
ma pensa con profondità e potrai forzarlo dolcemente a diventare
non un simbolo unidimensionale, bensì un vero palo di luce verticale,
che passa attraverso il centro di due vie incrociate di luce.
Lascia che questo ti circondi.

Sopra e sotto di te, lascia che l’asse del Piede delle Streghe si estenda fino al cielo e alla terra.
Alla tua sinistra e alla tua destra, e davanti e dietro di te,
permetti alle quattro vie di affievolirsi lontano, verso le molte estremità della Terra di Mezzo.
Sentiti collegato a tutti questi sei luoghi. Sei già collegato ad essi, in modo molto reale,
ma permetti all’immagine mentale che hai evocato di aprire in te la tua consapevolezza di questi posti.
Tu ti trovi al centro.
Il potere fluttua da questi sei luoghi verso di te e da te.

Potresti usare i fili della strega per aiutarti a sentire il potere ogni volta che ne avrai bisogno”.

Un sorriso si forma sul suo volto…

“L’arte di invocare la presenza degli spiriti viene effettuata per mezzo del potere del Piede delle Streghe.
Una volta che possiederai i sei fili e sentirai il potere scorrere in te da ogni luogo,
sentirai che gli effetti delle tue parole, pensieri e sentimenti hanno potere sul mondo intorno a te.
Concentrandoti… potresti pronunciare parole di chiamata…
e quando lo farai accertati di avere inviato la forza delle tue parole e pensieri
in tutti e sei i fili… su, verso gli alti reami, e giù in quelli più profondi,
e verso i quattro regni… in questo modo ti assicurerai che tutta la creazione avrà udito la tua chiamata
e lo spirito che cerchi ti dovrà ascoltare attentamente.

Questo simbolo può anche fare da ponte tra i mondi,
ed agire come mezzo per consentire il volo dell’anima e l’accesso agli altri mondi,
ma questo mistero è per un’altra volta”.

Di Robin Artisson

Originale: The Witches Foot

Copyright © 2000 by Robinart Inc. – Tutti i diritti riservati
Proibita la riproduzione totale o parziale dell’ opera senza autorizzazione scritta dell’ autore.

Traduzione e adattamento by Nera

Grazie a Babu per il suo aiuto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...