Trovare il Famiglio

familiar

Questo rituale è molto pericoloso, soprattutto per il praticante solitario. Normalmente è eseguito dopo mesi di esercizi in cui – in stato di trance – si prova a contattare il proprio Famiglio – e di offerte alla propria Divinità Patrono in cui si richiede ad essa di riuscire a incontrare il proprio Spirito Familiare. In questo periodo si hanno diverse visioni di animali, ma – fino al rituale vero e proprio che è descritto qui – non si ha la certezza di quali di essi sia realmente il proprio Spirito Familiare.
Data la complessità della pratica, e la pericolosità per chi volesse intraprenderla perchè annoiato, o senza i mesi di esercizi sopra accennati, verrà postata solo una volta, non se ne accennerà mai più, e non si risponderà a chiunque chiedesse indicazioni per ritrovare questo articolo.
Piuttosto, cercate qualcuno che abbia già eseguito tale esercizio e abbia la volontà di guidarvi a trovare il vostro Famiglio: è la strada meno rischiosa che non porta seco il pericolo del baratro o di una rovinosa caduta nei meandri più oscuri dell’Altro Mondo.
Da ora in poi, proseguite con la lettura a vostro rischio e pericolo: siete avvisati.

.: “Trovare il Famiglio” di Robin Artisson :.

E’ il grande Signore dei Campi e delle Paludi, il nostro Dio [1], che dà la conoscenza del vostro spirito Familiare. Ci sono molti modi affinchè il grande Dio vi riveli la faccia del vostro Fetch-animale [2], ma io vi impartirò uno dei migliori che conosco. Sarà difficile, ma così è tutto ciò che ha valore.

Iniziate preparandovi, e facendo offerte [3] e preghiere al Cornuto. Dovete chiedergli di concedervi questo favore. In luoghi a forma circolari [4], o alla base di grandi querce [5], fate invocazioni e lasciate offerte. Condividete l’Houzle [6], e fate richieste per quello che desiderate [7]. Continuate così per molti giorni.

Poi ritiraratevi dalla presenza di altre persone, e andate in qualche luogo deserto, meglio se una foresta. Non dovete mangiare per un intero giorno e un’intera notte. Poi, andate nel sonno crepuscolare [8], e fate il rito dell’incrocio [9]. Santificate un cerchio [10], invocate la presenza del Maestro Cornuto [11], e sedetevi al suo interno. Direzionatevi con il viso verso nord, e meditate sul vostro carattere personale, e sul vostro sé. Continuate così per lungo tempo.

Poi, dovete entrare in un grande silenzio interiore, per un tempo considerevole… non meno di 2 ore. Dovete ottenere una grande sensazione di “alterità”. A questo punto, non pensate al proposito del rituale… semplicemente lasciate che le vostre sensazioni crescano.

Quando sentite che il potere è forte, invocate il vostro Famiglio così:

“Vieni avanti, Saggio Puckerel [12],
Vieni a me adesso
Che possa esserci la forza per la nostra unione
Che io possa incrementare il tuo potere
Per il potere dell’Antico [13]
Così sia! Ka!”

Fate un’offerta di idromele o birra [14] a questo punto, innalzando una tazza di esso, e recitando un brindisi al Maestro Cornuto [13], e al vostro Fetch-animale. Scolate la metà del bicchiere in un sorso, e versate il resto per terra di fronte a voi.

Quindi, posizionatevi in una posizione confortevole e iniziate a cantare, più e più volte,

“Robin, Maestro Oscuro [13], mostrami il mio Fetch…”

E a questo punto diventate ricettivi, mentre cantate, e lasciate che la visione del vostro Puckerel sorga nell’occhio della vostra mente. Siate prudenti! La forma animale del Puckerel può apparire nella realtà, o talvolta in una visione. Ma in entrambi i casi, siate ricettivi con entrambi i tipi di occhi [15]. Lasciate che l’immagine della bestia sorga nella vostra consapevolezza. Non createla voi, non sceglietela [16]. Non dovete illudervi qui. Permettete alla visione di venire a voi. Siate passivi.

Quando lo percepite, che lo vediate o meno, tentate di comunicare con esso. A questo punto dovreste essere in un buono stato del sonno crepuscolare [17]. Potreste avere la voglia di sdraiarvi e di recedere ulteriormente dal mondo [18]. Questo va bene, fintanto che restate coscienti. Potreste lasciare il vostro corpo e trovarvi da qualche altra parte… anche questo è un bene, perchè in questi tipi di esperienze solitamente si trova il Fetch.

In entrambi i casi, cercate di comunicare con esso, e chiedete un nome, o una qualsiasi informazione che egli può avere per voi [19]. Da questo punto in poi, siete legati ad esso, e alle sue specie naturali.

Quando la comunione è completa, invitatelo dentro il vostro sè interiore, dicendo “Fetch vola indietro” o altre parole. Egli abiterà nel vostro petto, quando ne avrete bisogno o lo convocherete. Il petto è il posto sacro a lui.

Dite ad alta voce “Consummatum Est!” e lasciate il sito. Nel giro di un giorno, dovrete fare un’Houzle per onorare il Puckerel [20], in cui lo venererate come vostro Saggio Antenato e maestro, e come vostro compagno, e in cui lo inviterete a prendere parte alla vostra vita e al vostro potere. Fate molte offerte a lui, e al Rosso Cornuto [13], che rende queste cose possibili. Se avete bisogno del Famiglio, e certamente sarà così, convocatelo per mezzo dei Fili della Strega [21]. Può aiutare in ogni lavoro di Stregoneria, e infatti, li renderà venti volte più potenti. Prestate attenzione a ciò!

Titolo in lingua originale: “Finding the Familiar”
Link: http://www.angelfire.com/wy/elfhame/familiar.html
Tradotto con il permesso dell’autore.

Note:
[1] In realtà ogni Divinità o Spirito Maggiore legato alla Natura e agli Animali è adatto a questo scopo.
Nei processi scozzesi dove il Diavolo (che alcuni hanno poi, in epoca contemporanea, ridenominato “Dio Cornuto”) era a capo delle Streghe, secondo Emma Wilby (come spiegato in “The Visions of Isobel Gowdie”) esso rappresentava la figura del Re delle Fate o Re di Elphame poi demonizzata.
[2] Fetch è un altro nome per il Famiglio, significa “Doppio”.
[3] Un esempio di offerta: http://www.tradizioneitaliana.it/rituale.html
[4] Anche semplicemente luoghi immersi nella Natura vanno bene.
[5] Anche altri alberi vanno bene.
[6] Sarebbe una forma di offerta in cui si offre pane e vino, o pane e latte. L’autore afferma che il pane debba essere rosso segale, ma Emma Wilby in Cunning Folk and Familiar Spirits riporta che era principalmente pane bianco quello che – assieme a birra o latte – gli Spiriti apprezzavano maggiormente.
[7] Ovvero incontrare il vostro Famiglio.
[8] Sonno crepuscolare: particolare tipo di esercizio di trance impiegato da Robin Artisson, leggasi qui:
http://www.angelfire.com/wy/elfhame/twilyte.html
Emma Wilby riferisce in “Cunning Folk and Familiar Spirits” che uno dei principali modi di ottenere visioni in Scozia era il “Focus Monotono”, ovvero la fissazione oculare. In questo senso è possibile ottenere uno stato di trance semplicemente concentrando la propria attenzione su un punto specifico, a occhi aperti o a occhi chiusi (in questo caso il focus è la visione del buio).
Un’ulteriore tecnica utilizzabile alla luce del giorno è la seguente: http://www.tradizioneitaliana.it/trance.html
[9] Sembra essere una corruzione moderna del rito cerimoniale della croce cabalistica, ergo è da saltare.
[10] Solo in rari casi (come quello di Joan Cunny, processata nel 1589, a Stisted, in Essex, che affermava di aver utilizzato un coltello per tracciare un cerchio e aver pregato Satana, e dopo di che si sarebbero manifestati nel cerchio prima delle rane e poi degli spiriti) era utilizzato il cerchio nella Stregoneria Pre-Contemporanea, solo nei casi in cui vi era un’influenza cerimoniale, ergo è possibile evitare di farlo.
[11] O della Divinità/Spirito che avete scelto, legata/o agli animali e ai boschi.
[12] Altro nome del Famiglio.
[13] Sostituire con il nome dello Spirito o della Divinità che avete scelto.
[14] O vino, o cibo, o cibo e bevande (solitamente le bevande sono o vino, o birra, o latte).
[15] Io invece consiglio di stare con gli occhi chiusi per facilitare il sorgere della visione.
[16] Qui sta la parte più difficile: molte volte, nell’attesa di due ore, si tende – stremati – a prendere per buona un’immagine creata dalla nostra fantasia, o a crearsene una inconsciamente, “per finire”. Per carità del Cielo, non fatelo! Altrimenti tutto il procedimento sarà vano! Se l’immagine se ne va subito, non ritorna, ed è sfocata, se vi sforzate nel vederla, molto probabilmente ve la siete creati voi! Quindi aspettate: avete due ore, e se non bastano prendete ancora più tempo. Imbrogliare qui non serve, imbrogliereste solo voi stessi.
[17] Cioè della trance.
[18] Non lo consiglio per chi non è abituato, si rischia di addormentarsi.
[19] E’ importante soprattutto chiedere se è lui il vostro Famiglio. Anche qui, non auto-ingannatevi: se non ricevete risposta e la visione si sfalda, probabilmente è un’illusione. Se la visione vi risponde che non lo è, proseguite nello stato di trance fino alla prossima visione.
Quando vi dice che è il vostro Famiglio, chiedetegli il dono che ha per voi. Può accennarvelo, e in tal caso in altre sedute di trance (senza tutto il rituale, solo di trance) potreste chiedergli ulteriori informazioni in merito.
[20] Anche un’offerta di cibo e bevande (evitando quelle chimiche) andrà benissimo.
[21] Anche qui, non mi pare di ritrovare questo rituale in ambito storico, io quindi consiglio di convocare il Famiglio mediante una sessione di trance o un’offerta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...