Usanze stregonesche di Roma

usanze della capitale

 

Nello splendido libro “Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma” di Luigi Zanazzo, è possibile rinvenire alcuni elementi importanti (soprattutto nel capitolo 2), sebbene il testo sia (vista la data, 1908) ormai cristianizzato. Tra questi, vediamo:

 

.:: I GIORNI DEL SABBA DELLE STREGHE ROMANE ::.

Il testo infatti riporta i giorni del sabba delle streghe a Roma. Al punto 21 (“Le streghe”), infatti, leggiamo:

“Si ppoi volete un antro rimedio ppiù sbrigativo, ner parlà’ dde le streghe dite: «Oggi è ssabbito a ccasa mia!» .
Perchè, ccome saperete bbene, er sabbito le streghe non ponno annà’ in giro, perchè stanno aridunate sotto a la Noce de Bbenevento; e ddunque dicenno accusì vve ne ridete de loro.
Pe’ ssolito le streghe s’ariduneno sotto a la Noce de Bbenevento, la viggija der mercordì e dder sabbito.
Apposta c’è er proverbio che ddice:
«Ni dde Venere, ni dde Marte,
Nun se sposa, e nun se parte, ecc.».
E pperchè?
Pe’ nun passà’ er pericolo in queli du’ ggiorni d’incontrasse pe’ strada co’ le streghe che sse ne vanno ar sabbito, e cche incontrannove pe’ strada ve potrebbeno stregà’ affatturà’, o ffavve quarch’antro bbrutto scherzo.”

.:: I MAZZAMURELLI E I FARFARELLI ::.

Il punto 240 (“Er Mago de Trestevere”) riporta la credenza negli spiriti della casa locali, i Mazzamurelli, e nei Famigli detti Farfarelli (che altro non sono che spiriti della casa che i praticanti magici avevano come alleati):

“Ar vicolo de Mazzamurelli, anticamente anticamente, c’era un mago che pparlava cor diavolo a ttu per tu quanno je criccava: insomma, era un antro Cajostro in anima e in corpo.
Pe’ quer vicolo, tant’era la pavura che mmetteva quer mago, che dde llà nun ce passava gnisuno, nun ce passava: e l’è arimasto er nome de Mazzamurèlli che vorebbe a ddì’ lo stesso che vvicolo de li spirili folletti (Gesummaria!) o de li farfarelli che ssìeno.”

.:: INCUBAZIONE DEI SOGNI ::.

Sebbene il rito sia esclusivamente rivolto a un fine materiale (i numeri al lotto), è possibile riusarlo anche per contattare uno Spirito o una Divinità, scrivendo il suo nome al posto dei numeri, sotto al cuscino.

“82. — Pe’ pprovà’ si li nummeri ch’avete da ggiocà’ sso’ bbôni.
Pe’ pprovalli, metteteveli la notte sotto ar cuscino; e ssi ne la notte v’insognate un sogno che vve corisponne esatto a quelli medemi nummeri che cciavete sotto ar cuscino, è ssegno che li nummeri so’ bbôni e ch’er sabbito appresso sortiranno de sicuro.”

.:: IDROMANZIA ::.

Questo procedimento richiede un terzo, ma non è necessario nella pratica, inoltre anche un altro procedimento simile (quello dell’“angelo bianco, angelo nero”/“angelo bianco, angelo santo”, di cui ho parlato alcuni articoli fa) è stato impiegato sia per chiamare Spiriti (come la Domina Ludi, ossia la Signora del Gioco) che per scovare ladri, quindi è possibile riutilizzarlo con tale fine anche in questa situazione. E’ inoltre da notare che anche qui è la caraffa (“l’inghistara” in altri dialetti) ad essere oggetto dell’idromanzia. Riporto:

“31. — Pe’ cconosce u’ lladro che vv’ha rubbato.
Quanno v’hanno arubbato quarche oggetto, e vvolete conosce chi è stato e’ lladro o la ladra, ecco com’avete da fa’.
Annate in Ghetto, cercate de conosce quarche strega ggiudìa, perchè ssortanto le streghe ggiudìe so’ bbone a ffavve la ccusì ddetta Caraffa.
Consiste in d’una bbottija che la strega ggiudìa, facenno un sacco de scongiuri, ve la prepara, ve la mette su la tavola, e vvoi a quanto drento a ’sta Caraffa ce vedete comparì’ e’ llombetto o la ladra che vv’ha rubbato.”

 

.:: LECANOMANZIA ::.

Anche qui come sopra, con la differenza che questo non è più scrying (ossia una tecnica che necessita di uno stato alterato di coscienza per ottenere visioni) ma divinazione semplice.

“55. — Un antro modo pé’ ssapello.
Aspettate che arivi er giorno de la festa de San Giuvanni.
Arivato quer giorno, voi a mmezzoggiorno in punto, pijate un pezzo de piommo, squajatelo sur fôco, e ppoi quann’è squajato, buttatelo in d’una scudella piena d’acqua.
Allora vederete che quer piommo, in der gelasse che ffarà, fformerà un sacco de giôcarèlli de tutte le specie. Si ffra queli ggiôcarèlli ce ne vederete quarchiduno che rissomija a uno de li tanti ordegni, che uno de li vostri protennenti addopra in der su’ mestiere, allora, state certa che quer tale, propio lui, sarà quello destinato a sposavve.
Si ppe’ ccombinazzione però, er piombo sciorto, in der gelasse in de ll’acqua, nun facessi gnisun scherzo de quer genero, allora pijate quella stessa acqua, spalancate la finestra, e bbuttatela pe’ strada.
Er primo de li vostri caschènti [N.d.T.: pretendenti che si struggono per voi d’amore] che ppasserà ssopra a quell’acqua, sarà er fortunato o lo sfortunato che vve sposerà.”

.:: CAINO ASSOCIATO ALLA LUNA COME NELL’ARADIA ::.

Un’ulteriore prova della veridicità dell’Aradia del Leland: il ritorno del tema di Caino come personaggio che vive nella Luna.
Riporto dal punto 166 (“Caìno”):

“Doppo che avebbe ammazzato su’ fratello Abbele, er Signore pe’ ggastigallo, lo condannò a ppartì’ in sur subbito p’er monno de la Luna, e a restacce in sempiterno a ppiagnécce er gran dilitto che aveva fatto.
E accusì, llui, da si cch’er monno è mmonno, stà llasssù addannato e mmaledetto.
E adesso sortanto li cani lo chiameno in ajuto, quanno ciabbuscheno: infatti urleno: caì ccaì!
Quanno la luna è ppiena, fatece caso, e vvederete com’un’ombra in atto de camminà’ cor un fascio de spine su le spalle.
Quell’ombra è Ccaìno in carne e in ossa.”

E dal punto 194 (“La Luna”):

“Drento, come ggià vve l’ho ddetto, ce sta quer boja de Caìno.
Ce lo mannò er Signore doppo l’amaro ammazzamento de su’ fratello Abbèle.”

.:: ULTERIORI SIMILITUDINI CON L’ARADIA: I SEGNALI DOPO LO SCONGIURO ::.

Nell’Aradia si legge spesso, alla fine di uno scongiuro, la richiesta di segnali, ad esempio:

“Se questa grazia mi farete,
Un segnale mi darete,
Dentro tre giorni,
Una cosa voglio vedere,
O vento, o acqua, o grandine”

o ancora:

“Se la nostra scongiurazione
Ascolterai,
E buona fortuna ci darei,
Un segnale a noi lo darei!”

e infine:

“Se sei favorevole
Ed esaudisci la mia richiesta,
Che io possa udire
Il latrato di un cane,
Il nitrito di un cavallo,
Il gracidare di una rana,
Il cinguettio di un uccello,
Il canto di un grillo,
eccetera.”

Qui molto similarmente leggiamo:

“18. — Pe’ rifà’ ppace co’ regazzo.
Quanno, regazze mie, state in collera cor fritto1, ecco com’avete da fa’ ppe’ rifacce pace.
Ammalappena se fa nnotte, metteteve in finestra; e a la prima stella che vvedete apparì’ in cielo, diteje accusì:
«Stella der mare turchin celeste,
Fa cch’er core de chi mm’ama stii in tempeste:
Stii in tempeste tale che nun possi ariposà’,
Ni bbeve, ni mmagnà’,
E ssempre a mme ppossi pensà’».
Dette ’ste parole, occhio a la penna!
Si abbaja un cane, è ssegno ch’er vostro regazzo v’è ffedele.
Si ssentite un ômo che ffischia, ve tradisce; si ssentite sonà’ una campana è ssegno che ppensa a vvoi.
Intesa che avete una de ’ste tre ccose, fateve u’ nnodo a’ llaccio der zinale e ddite tre ppaternnostri.”

.:: AMULETI: L’ABITINO ::.

L’abitino è completamente cristianizzato, ma è possibile ripaganizzarlo, sostituendo le simbologie della madonna con quelle del Dio o dello Spirito di cui vogliamo la protezione, e con un inno o un nostro componimento in suo onore al posto dell’orazione cristiana.

“145. — L’abbitino.
Chi pporta sempre ar collo l’abbitino de la Madonna der Carmine, nun passerà mmai gnisun pericolo, e nun farà mmai una mala morte.
Speciarmente poi si a ll’abbitino c’è ccucita l’orazzione latina che ffu ttrova in der Santo Sepporcro a Ggerusalemme.”

.:: MAGIA DEI NODI E LEGAMENTI ::.

Come al solito, non serve realmente un terzo, e se volete potete “paganizzare” maggiormente gli scongiuri. Riporto senza altri commenti:

“19. — Un antro modo pe’ rifa’ ppace co’ regazzo.
Annate a ttrova una bbrava fattucchiera, speciarmente de quelle che stanno in Ghetto, e dditeje de che sse tratta.
Quella allora, vederete, che ppijerà ddu’ fettucce bbelle lónghe, una bbianca e una rossa, l’annoderà assieme e cce farà una tréccia.
Fatta ’sta tréccia, ve la consegnerà, e vve dirà:
«Ogni otto ggiorni, sciojete u’ nnodo da ’na parte de ’sta treccia, e rifatelo da ll’antra; e mmentre lo sciojete, dite:
«Diavolo fatte capace:
Scioje l’odio e llega la pace».
E nun passerà er mese, che er vostro regazzo ve se vierà a ristrufinàvvese un’antra vorta intorno.”

“20. — Un antro incora.
Quanno se sta in collera co’ regazzo e cche cce se rivó ffa’ ppace, èccheve un antro arimedio.
Ammalappena sôna un’or de notte, affacciateve a la finestra, e mmentre annodate un fazzoletto, dite ’sta preghiera:
«Un’ora bbatte, un’ora sôna,
Io sto ddrento, lui stà ffôra.
Vadi a llevante, vadi a pponente,
Vadi (er nome de’ regazzo) co’ ttanta ggente:
Che ffai? che ppensi? Indove vai?
— Vado da quella fattucchiera (er nome de la regazza).
Che mme fa ’na fattura potente e fforte
Che nu’ la possi lasciare fino a la morte».
Qui ppoi se lega er fazzoletto e sse seguita a ddì’:
«In questo modo té voglio legare;
Come un Cristo té voglio incrociare
Ché nun me possi mai lasciare!»
Detto questo, se pija una manciata de sale grosso, e sse bbutta pe’ le scale de casa; poi s’infila un cortello sotto ar tavolino da pranzo e cce se lassa infinenta a la sera appresso.
Bbisogna sta’ bbene attenta che ttutta ’sta robba se deve fa’ e sse deve dì’ in de lo spazzio d’un’ora sana.
Si nnó artrimenti nun vale gnente.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...