Esperienza personale: Ricordo del Nume

Image

Questa che sto per descrivere non è una pratica esclusiva della Tradizione Italiana, anzi, non so neanche quanto sia corretto chiamarla pratica.
Questa tecnica, o meglio, quest’attitudine, l’ho chiamata “Ricordo del Nume”, ma essa non ha nome ed è riscontrabile in moltissime Tradizioni e Religioni, ma in cosa consiste? 
Il Ricordo del Nume è quel “ricordo”, appunto, della Divinità a cui si rende culto anche fuori dall’ambito rituale.
Consiste nel vedere, nella vita di tutti i giorni, il Nume in ogni cosa e in ogni essere vivente: è riuscire a comprendere emotivamente e totalmente che il Nume si trova in ogni pianta che accarezziamo, in ogni animale che coccoliamo, in ogni persona che abbracciamo. E’ il contemplare la Bellezza del Mondo che ci circonda e scorgervi il Divino.
Possiamo quindi esprimere Amore e/o Gratitudine agli Dei da noi venerati per quello spettacolo, e scopriremo che ringraziando e amando, il sentimento di Meraviglia e Commozione si espanderà.
Approfittiamo poi di ogni piccolo evento positivo della giornata, dal trovare il parcheggio al vincere una somma in denaro, dal riuscire a fare bene un lavoro al superamento di un traguardo, per esprimere gratitudine verso i nostri Divini Genitori.
Spesso ci circondiamo di lamentele che ci rendono la vita ancora peggiore di quella che è, mentre imparando a coltivare questi Supremi Sentimenti potremo renderci più coscienti degli aspetti positivi delle nostre esistenze e più felici, oltre a rafforzare il legame con le nostre Divinità.
Infine, un ulteriore aspetto del “Ricordo” che può essere trattato, è il “dedicare”. Esso consiste nel rendere le proprie azioni, il proprio cibo, il proprio lavoro e così via un’offerta al Nume, dedicandoglieli, agendo in quell’azione/lavoro/momento spinti dall’amore e dal rendere omaggi sempre più belli e graditi al Dio, compiendo dunque l’azione da noi effettuata in maniera perfetta, ma non per l’azione in sé, bensì per far piacere ai nostri Divini Signori.
Questa tecnica, seppur semplice, può farvi raggiungere risultati insperati se non addirittura mai immaginati, ma ci vuole costanza, in una maniera tale da far diventare questa “pratica” parte della vita di tutti i giorni, continuando però a sentirla come se la faceste per la prima volta e a mantenere in essa il Senso del Sacro.
E se è vero che conoscendo sé stessi si conosceranno l’Universo e gli Dei, allora è vero anche il contrario: conoscendo gli Dei potremo conoscere Noi stessi e l’Universo.

lucio apollonio1

back

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...